martedì 3 agosto 2010

Dalla teoria alla pratica: dalle diatribe sugli ebook a cosa succede nel mondo reale (digitale)

In un mondo ideale dove quelli che contano si litigano diritti e poteri su libri e quotidiani, il paese reale - che diventa sempre più digitale - cambia abitudini ed anticipa i tempi.

Il successo di tablet e ebook reader non poteva mancare di alimentare le polemiche connesse all'editoria digitale, in un momento in cui gli ebook, a mio parere, cominciano a sperimentare la stessa sorte degli mp3.
Prima c'erano solo i cd, e il materiale musicale era, per la grande maggioranza dei fruitori, vincolato al supporto. Poi sono arrivati gli mp3, e la musica si è svincolata dal supporto fisico per diffondersi nei modi più diversi, spesso non rispettando il diritto di autore.

L'avvento dell'era dell'editoria digitale sembra aver colto gli editori meno impreparati delle case discografiche ai tempi del boom dell'mp3, ed ecco che si discute di come distribuire il materiale digitale, come garantire il rispetto dei diritti di autore e via discorrendo.
Lo sharing digitale non è messo in discussione: semplicemente se ne discutono le regole. Siamo dunque un pezzo avanti rispetto al "caso mp3", quando allo sharing digitale si faceva resistenza e basta, senza regolamentare e porre alternative legali, come i diversi store online nati successivamente che, vendendo gli mp3 a prezzi del tutto accessibili ai naviganti, scoraggiano le pratiche illegali.

A questo punto viene da chiedersi: cosa succederà?
Come si evolveranno insieme il mercato del digitale e le richieste del grande pubblico?
Mike Shatzin, guru dell’editoria digitale, racconta il suo punto di vista in un lungo articolo su Publishers’ Weekly, analizzando 15 tendenze da tenere sott'occhio.
Prendiamo atto, e staremo a vedere.
Intanto noto con piacere che c'è chi propone agli autori di pubblicare il proprio ebook, e chi fa della sensibilizzazione al libro digitale la propria mission
E poi c'è gente che bisticcia. Ma nelle fasi di cambiamento, c'è da aspettarselo, litigi e litigiosi non mancano mai.

Nessun commento:

Posta un commento