giovedì 17 febbraio 2011

"Muere lentamente...": un falso Neruda, ma pur sempre un brano eccezionale

Muere lentamente quien no viaja,
quien no lee,
quien no oye música,
quien no encuentra gracia en sí mismo.

Muere lentamente
quien destruye su amor propio,
quien no se deja ayudar.

Muere lentamente
quien se transforma en esclavo del hábito
repitiendo todos los días los mismos trayectos,
quien no cambia de marca,
no se atreve a cambiar el color de su vestimenta
o bien no conversa con quien no conoce.

Muere lentamente
quien evita una pasión y su remolino de emociones,
justamente estas que regresan el brillo a los ojos 
y restauran los corazones destrozados.

Muere lentamente
quien no gira el volante cuando esta infeliz
con su trabajo, o su amor,

quien no arriesga lo cierto ni lo incierto 
para ir detrás de un sueño

quien no se permite, 
ni siquiera una vez en su vida,
huir de los consejos sensatos...

¡Vive hoy!
¡Arriesga hoy!
¡Hazlo hoy!
¡No te dejes morir lentamente!
¡NO TE IMPIDAS SER FELIZ! 

Martha Medeiros

*°'-__-'°*°'-__-'°* *°'-__-'°* *°'-__-'°* *°'-__-'°* 
 
Muore lentamente chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.

Muore lentamente
chi distrugge il suo amor proprio,
chi non si lascia aiutare.

Muore lentamente
chi diventa schiavo dell'abitudine
ripetendo tutti i giorni gli stessi percorsi,
chi non cambia la marca,
chi non rischia a cambiare il colore dei suoi vestiti
chi non parla con chi non conosce.

Muore lentamente
chi evita una passione e le sue emozioni,
proprio quelle che fanno tornare a brillare gli occhi
e rinfrancano i cuori distrutti.

Muore lentamente
chi non gira il volante quando è infelice
a lavoro, o in amore,

chi non rischia il certo per l'incerto
per inseguire un sogno,

chi non si permette,
neanche una sola volta nella vita,
di fuggire dai consigli sensati.

Vivi oggi!
Rischia oggi!
Fallo oggi!
Non ti lasciar morire lentamente!
NON IMPEDIRE A TE STESSO DI ESSERE FELICE!

Martha Medeiros 

Martha Medeiros, scrittrice e cronista portoghese, è la vera autrice di questo brano dalla carica dirompente.

Del diffuso equivoco parla la testata spagnola ABC nell'articolo «Muere lentamente»: Un falso Neruda que no para de crecer en Internet, facendo luce su più di un errore di attribuzione di testi al grande poeta cileno.

Una curiosità sulla politica italiana? 
Lo stesso articolo dell'ABC ci racconta di come Clemente Mastella, quando votò la sfiducia all'allora governo Prodi, citò appunto "Muore lentamente" come poesia di Pablo Neruda.
La Medeiros dovrà aspettare la prossima occasione per essere citata durante una seduta del Senato della Repubblica Italiana.

Nessun commento:

Posta un commento